mercoledì 20 giugno 2012

Le parole dell'amore

Mi scuso con tutti per l'assenza, è difficile scrivere quando non hai la forza di mettere insieme i pensieri, quando non riesci a tradurre in pensieri la confusione che hai in testa. Quindi, visto i presupposti, mi limito a citare, delle parole che risuonano nell'anima di chiunque abbia amato davvero, almeno una volta nella vita.


Volevo essere bella. Volevo che i tuoi occhi mi rimirassero, che mi accarezzassero e che mi trovassero bella. Volevo esserlo solo per te. Volevo che le tue mani mi accarezzassero come se la mia pelle fosse stata di porcellana, rara, fragile...volevo le tue labbra, e che da esse, potesse uscire ogni parola che ho sempre desiderato sentire. Quelle parole che ti avvolgono come le braccia di un amante, che ti accarezzano come la passione che scuote i corpi in una notte d'amore. Volevo che le tue braccia, fossero per me, un porto dove la nave che sono, possa attraccare ogni qual volta il mare si fa troppo grosso e non è più possibile lottare contro le onde. Volevo te, i tuoi occhi, la tua bocca, le tue mani, il tuo cuore, il tuo cervello, il tuo essere. Amo l'uomo che sei, e amo l'uomo che sei stato. Amo la malinconia che ti si dipinge sul viso quando il carico della vita è troppo. Amo le tue lacrime amare, piene di sensi di colpa, piene di emozione. Amo quel sorriso sfacciato e sardonico, lo riconoscerei ovunque.

Volevo che tu fossi la mia alba, ed insieme avremmo affrontato con coraggio, coscienza, allegria ed amore, ogni nuovo giorno.

Volevo che tu fossi il mio orizzonte, per scrutarti e rendermi conto che eri solo davanti a me, ma che mai mi avresti lasciata sola.

Volevo che tu fossi la mia luna, che rischiara il mio cammino in quelle notti d'estate in cui cammini per una strada isolata sentendo soltanto il canto dei grilli e il rumore dei tuoi passi.

Volevo che tu fossi il mio tutto.

Eppure mi sono svegliata, e stamattina il sole è sorto ancora, e il giorno mi ha detto, che l'amore non basta. Eppure avevo riempito il mio tempo di questo, avevo sognato questo amore, proprio così come si rispecchiava nei tuoi occhi. Non c'è dolore, continua ad esserci amore. Non c'è  delusione, continua ad esserci amore. Tutto il mio essere, ne è pieno. Tutta la mia vita trabocca. Eppure il mio destino è solo quello di guardarlo da lontano, aspettando che i miei giorni finiscano, e la mia vita passi.

Ci saranno forse altri occhi, nei quali mi specchierò e cercherò i tuoi. Perchè il tuo cuore appartiene a me, perchè il mio ti appartiene. E se sarò bella, lo sarò sempre per te, e se amerai, amerai sempre me.

Pensavo ne valesse la pena. Giudicate voi.

4 commenti:

  1. Velate di tristezza, ma allo stesso tempo affascinanti queste parole... le ho lette e rilette per la loro intensità nell'esprimere l'amore verso una persona.
    Grazie Themoon di averle condivise :)
    Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  2. Sì blumoon, c'è molta tristezza o forse malinconia, ma è affascinante percepire quanto l'amore può essere grande, forte, e reale, nonostante tutto.
    Ricambio l'abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Simply want to say your article is as astounding.
    The clarity on your submit is just spectacular and that i can think you
    are a professional in this subject. Fine with your permission allow me to
    grasp your feed to stay up to date with impending post.
    Thanks one million and please keep up the enjoyable work.


    Stop by my website: paid surveys (paidsurveysb.tripod.com)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie della stima!
      Dì a tutti, che non ti ho pagato per scriverlo :-)

      Elimina

Le vostre opinioni sono linfa vitale...