giovedì 6 febbraio 2014

Che mondo!!!

Ma io mi chiedo, ma in che mondo viviamo?
Ci sono giorni in cui, mi rifiuto perfino di guardare un tg per paura che qualche notizia, mi distrugga l'umore della giornata. Perché io sono così...
Basta veramente poco per farmi rifiutare questo mondo, dove le regole stupide, valgono più dei principi morali, dove non ci si fa carico del benessere interiore dei nostri bambini, si, perchè i bambini sono di tutti e cosa molto importante, sono ciò che saremo, ciò che sarà questo mondo fra 30 anni. 
Ieri, ad una nota trasmissione tv, le Iene, ho sentito la storia di una mamma, a cui sono stati portati via i figli, da chi, doveva proteggere lei e i suoi figli. I servizi sociali.
Più di una volta, si sente parlare di abuso di potere, da parte di chi, rappresenta la legge, in teoria il bene, ma di buono in realtà, non ha davvero nulla, anzi...
Assistenti sociali, che proibiscono ad una madre di fare un filmino al proprio figlio che gioca, dopo che si è persa due anni della propria vita. E' orribile.
Vogliamo ricordare a chi fa questo lavoro, che non è solo una serie di giustissime regole scritte, ma anzi, è una vocazione, una missione, per quei poveri bambini, che non hanno voce, e che alla sera, soli nel proprio letto, vorrebbero solo l'abbraccio della propria mamma.
A me, queste cose, fanno inorridire.
Mi fa inorridire, quanto può spingersi in là, la cattiveria umana. 
Quanto troppo spesso, siamo occupati a pensare a cosa è più giusto, e ci scordiamo dei sentimenti degli altri.
Questa mamma, ha tutta la mia solidarietà, anche perchè c'è stata una sentenza del tribunale dei minori, che afferma che la signora è del tutto idonea a badare ai propri figli.
Ripeto che la mamma ha tutta la mia solidarietà di mamma, che al solo pensiero che qualcuno possa portarle via il proprio figlio, le viene da impazzire.
Ma ancora di più, ricordo nelle mie misere preghiere quei bambini, perché nessuno dovrebbe mai patire, ciò che loro, stanno vivendo loro malgrado.
Ci sono milioni di casi come loro in Italia, e penso che bisognerebbe  fare qualcosa. Partendo proprio da chi, dovrebbe intervenire in aiuto, da chi, deve tutelare e non può permettersi leggerezza e bigottismo.
Perché fare il bene di un bambino è al primo posto, su tutto.
Diamo il sorriso a tutti i bimbi del mondo, avremo certamente domani, un mondo migliore.