martedì 1 dicembre 2015

Buon Compleanno papà


Come ogni anno, la tua torta di compleanno, non deve mancare, e da cinque anni ormai, troppi, il mio modo di farti gli auguri, è qui, da questo blog, buttando via parole che purtroppo non puoi sentire ed è un peccato davvero.
Avrei avuto ancora troppe cose da dirti, troppe volte avrei ancora avuto bisogno dei tuoi consigli, dei tuoi sorrisi, della tua ironia.
Sei andato via troppo presto, hai lasciato un vuoto immenso.
Credo che succeda così per le persone che sono tanto: danno talmente tanto nella loro vita, riempiono così tanti spazi, che poi il vuoto che lasciano è tremendo.
Caro papà, quanto mi manca pronunciare la parola "papà", quanto ancora mi sento figlia, prima di ogni altra cosa.
Vorrei raccontarti tante cose. Cose che avrei desiderato vivere insieme a te, condividere con te.
Avrei voluto che vedessi il teppistello di casa, che caratterino, il nostro, che gioia, che amore e che tenerezza ha dentro questo pulcino.
Avresti detto anche tu, come dicono tutti, che è identico alla mamma, e avresti sorriso, ricordando ciò che mi dicevi quando non facevo altro che parlare, oppure quando ti facevo domande una dietro l'altra, assetata dello stesso sapere di cui ti sei nutrito fino all'ultimo giorno della tua vita.
Non saprò mai, se quando quella brutta notte sei diventato invisibile ai nostri occhi, soffrivi, o la tua anima era già altrove al riparo dal dolore e dalla sofferenza.
Quanto vorrei poter tornare indietro e pretendere da te, tutti quegli abbracci che non mi hai dato e di cui entrambi sentivamo il bisogno.
La verità è, che il tempo ci sembra infinito, ma non lo è affatto. Passa, va via, e ti ritrovi a rimpiangere ciò che non hai fatto o detto.
Ed adesso non so cosa darei, per poter ancora pronunciare il tuo nome, per poterti abbracciare, per poterti parlare oggi, di me, di tuo nipote.
Ed adesso scorrono lacrime di tristezza e di solitudine, perchè mi manchi. Perchè quest'anno non sono nemmeno potuta venire da te a portarti una rosa, a dirti buon compleanno....
In questa foto, dei tuoi 70 anni, ridevi sereno, vestito come sempre, come ancora oggi, ti sogno.
Sorridi, di quel sorriso sarcastico e schietto, e sorridi con i tuoi meravigliosi occhi pieni di luce.
Ti avevo comprato la torta da "Romano", uscendo di corsa da lavoro, non era più una sorpresa ormai, ma tu fingevi sempre di non aspettartela.
Grazie papà, per tutto l'amore di cui mi hai riempito la vita. Grazie di esserci stato, anche quando non era facile. Grazie anche delle furenti liti, degli scontri terribili, ci hanno comunque portato a capirci nel tempo.
Buon compleanno papà e scusa, se non sono venuta da te.
Ti amerò per sempre.

Nessun commento:

Posta un commento

Le vostre opinioni sono linfa vitale...