mercoledì 18 novembre 2015

Vento di terrore

Ho scelto questa foto, fatta da me solo una settimana fa, perchè questo tramonto mi da serenità, oggi che davvero, ne abbiamo molto poca.
Ormai le nostre giornate, iniziano con i telegiornali o con le notizie che circolano su facebook, di questa emergenza, che ci ha colto alla sprovvista, e che invece, dovevamo aspettarci.
Anche oggi, la mia giornata è iniziata così, quasi ci fosse una fame di notizie, che non mi riguardano direttamente, ma temo, che ci riguarderanno presto. Infondo riguardano tutti noi.
Ascolto di falsi allarmi in tutto il mondo, da noi, ad Agrigento, fino in Germania, New York. E rifletto....questa gente sta ottenendo proprio il loro scopo, sta riuscendo in ciò che davvero vuole. Seminare la paura, il panico, l'odio, la diffidenza, la disperazione, l'instabilità.
Chissà quante risate alle nostre spalle si stanno facendo.
E in tutto ciò, hanno ottenuto una vittoria ancora più grande, hanno portato la guerra, nella civile, democratica, pacifista Europa.
Perchè inutile ormai nasconderci o usare giri di parole, siamo in guerra.
Dalle immagini che si scorgono in tv o peggio su facebook, si vede quanto questa guerra sia cruenta e dolorosa, quanto questa guerra sia dolorosa e purtroppo come tutte le guerre, miete vittime innocenti, civili inermi, che si ritrovano massacrati. 
All'ISIS non importa nulla di loro, e non importa affatto che siano Parigini, che siano Siriani, che siano Iracheni. Loro hanno un solo scopo e nulla e nessuno, può frapporsi fra loro e gli obiettivi prefissati.
Qualcuno li definisce bestie. Onestamente il mio cane, non farebbe mai male ad un proprio simile, indipendentemente dalla razza, dalla nazionalità, dalla lingua, dal pedigree. 
Loro sono esseri umani. Loro sono bestie. Ci vorrebbero forse più bestie a questo mondo.
Poi, in tutto questo marasma di odio, di venti di guerra, ci sono le parole del cardinal Bagnasco, che invece, mi hanno colpito, che mi hanno fatto riflettere.
Lui dice, che ci vorrebbe un embargo per l'ISIS, nessuno a livello mondiale dovrebbe più parlare con loro, dovrebbe più comprare il loro petrolio a buon mercato, dovrebbe fornirgli armi o viveri. Solo il totale isolamento, li distruggerebbe davvero. 
Ed io credo abbia ragione.
Loro si circondano di giornalisti, li usano, per farsi propaganda, per seminare ancora più terrore. Se su di loro calasse il silenzio, se non avessero più come finanziare le loro folli operazioni, se il mondo per una volta si unisse, invece di distruggersi e di pensare esclusivamente solo agli interessi economici, forse, potrebbe esserci un'alternativa ad una GUERRA, dove a pagare sono sempre e comunque gli innocenti.
Spero sinceramente che Dio, illumini le menti di chi deve prendere decisioni importanti.
Il mio Dio, non vuole sangue, non vuole vittime, non vuole violenza.
La mia religione, è la religione della misericordia, dell'amore, del perdono. 
Il mio Dio è Amore, è Pace.

Nessun commento:

Posta un commento

Le vostre opinioni sono linfa vitale...