lunedì 19 novembre 2012

Il mondo secondo me

Ci viene chiesto sempre dagli altri, di essere noi stessi, di essere semplicemente cio' che vorremmo essere veramente. Il problema e' solo uno, viviamo in una societa' che non ce ne lascia la possibilita'.
E' facile dire che chi ci ama, ci accetta come siamo, ma siamo sicuri di essere intanto noi, consapevoli di cio' che siamo realmente?
Io non ne sono cosi sicura.
Un giorno, tanto tempo fa, pensavo anche io, che tutto cio' che avrei voluto essere, era semplicemente IO. Ma dietro a tutto questo, c'e' una dura realta' con cui fare i conti giorno per giorno, che non ti fa mai regali, che non fa sconti di nessun tipo!
Ho scoperto a mie spese, che un lavoro che defenire sottopagato e' un eufemismo, che tirare per arrivare con fatica a fine mese, che ingoiare mille delusioni al giorno, che vedere i propri sogni infrangersi contro la realta' di cui sopra, di certo non aiuta a vivere e non aiuta a farlo inseguendo i propri sogni, o cio' che realmente si vorrebbe essere o si sente di essere infondo a se stessi.
Mi fa ridere chi, si prende la briga di giudicare le tue azioni, il tuo essere, senza aver conosciuto, le tue battaglie, i tuoi dolori, le tue amarezze. Sono solamente marionette, che non sannao vivere la propria vita, e tentano di vivere quella altrui, cosi da non mettersi mai in gioco, da non rischiare mai nulla.
O quelli che, vorrebbero azzardare nella propria vita, essere cio' che sentono, ma per vivere necessita coraggio e non tutti ne sono provvisti. Ci vogliono le "palle" e non tutti quelli che ce le hanno sono uomini e non serve essere uomini per avercele.
Ma forse alla fine nemmeno il coraggio basta poi.... Ci vuole coraggio per mettere al mondo un figlio, ma non basta, bisogna avere pazienza, volonta', dedizione, amore, per permettergli poi di crescere, di diventare adulto e di non rimanere solo un piccolo insignificante peter pan.
Alcune persone pensano di me, che io sia sicura, forte, forse addirittura calcolatrice, perfida. Non hanno nemmeno idea di quanto si sbagliano e di quanto siano lontane dalla realta' delle cose. Avvolte e' esattamente il contrario.
Sono piena di insicurezze, di dolore inespresso, di solitudini, di paure. Non farei mai male gratuitamente e se avvolte faccio male, e' perche' troppo spesso e troppo presto, ho dovuto imparare a difendermi, ad andare oltre gli altri, a dover pensare a me, perche' mai nessuno fino in fondo, si e' occupato di me, di cio' che sono, dei miei reali sentimenti.
Quindi, che credano pure alla corazza che ho montato. Nessuno piu' sapra' cosa c'e' dietro, se nessuno lo sa fino in fondo, nessuno puo' avvicinarsi davvero, nessuno puo' piu' farti del male.
A che serve essere se stessi, in un mondo a cui non interessa sapere cio' che sei?

2 commenti:

  1. Hi there, I found your blog by means of Google even as searching for a similar matter, your web site got here up, it appears to be
    like good. I have bookmarked it in my google bookmarks.
    Hello there, simply was aware of your blog thru Google, and found that it is really informative.
    I'm gonna be careful for brussels. I will be grateful should you continue this in future.
    Lots of people will likely be benefited from your writing.

    Cheers!

    My homepage :: free music downloads (http://freemusicdownloadsb.com/)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie molto delle tue parole.
      Felice di averti qui.

      Elimina

Le vostre opinioni sono linfa vitale...