sabato 21 aprile 2012

Vasco vs Baglioni

Come sempre, ciò che scrivo, lo prendo dalla realtà. Oggi, visto che sono una fan molto devota di Claudio Baglioni, rimango senza parole per le Confessioni di Vasco.  

Diciamo che a me, la musica di Vasco non dispiace, anche se sicuramente ci sono delle sue canzoni che non sono certo, un trattato di filosofia o saltano all'occhio per i  testi ricchi di contenuti interessanti e magari articolati. Se pensiamo alla coca cola, o al suo fegato spappolato, dicerto ci accorgiamo che, non ci vuole un pozzo di scienze per scrivere determinate cose.

Lui fa la sua musica e sicuramente piace ad alcuni e verrà odiato da altri, e sicuramente avrà canzoni migliori e alcune, che non hanno poi tutta questa grande popolarità.

Ma la musica infondo cos'è? E' evasione, è amore, è racconto di ciò che si è, di ciò che si vive, dei propri sogni. E per noi, che l'ascoltiamo, non è altro che questo. La trasposizione dei ns. sogni alla vita reale, detto in musica; con parole che noi non riusciremmo a trovare, con un accordo che ci fa vibrare il cuore e l'anima, con la potenza di un testo che si trasforma in poesia.

Certo, la musica di Vasco, con quella di Baglioni, sono proprio agli antipodi. Ma cosa c'è di sbagliato nel romanticismo? Cosa c'è di stupido o sbagliato nel cantare d'amore? Ma ha mai ascoltato una vera canzone di Baglioni, questo "padreterno" della musica. Oggettivamente ci sono dei testi di Baglioni che sono delle vere e proprie poesie!!

Ma soprattutto come uomo e come artista, chi sei tu, per andare a dire ad un altro che è un perfetto imbecille e che, deve andare a zappare la terra?

Questo toglie a me, fan di Baglioni, ma persona dotata di raziocinio, ogni stima nei confronti di un Vasco, che forse ha davvero bisogno di gridare al mondo che lui esiste ancora e lo fa, nella maniera più sbagliata possibile, lo fa, con arroganza e maleducazione.

In tutto questo, vi segnalo invece il comportamento di Claudio Baglioni, che intervistato da Striscia, non ha un solo momento di rabbia (eppure ne avrebbe tutto il diritto...) nè una parola di troppo, nè una cattiva parola, per il collega, ed anzi, invitato a mandargli un messaggio, gli dice che gli vuole bene.

Questo è un signore.

E poi, che ognuno scriva e canti, quello che gli pari, siamo ancora in democrazia, no?

Ma siccome appunto rispetto molto il grande Claudio, sia come cantante, che come persona, voglio chiudere, con una sua canzone e con il relativo testo, magari così vediamo chi deve andare a zappare la terra!!

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=hWKwP8EW2cE[/youtube]

A DOMANI

Tu sei la stella
che vaga e invaghisce
signora di poesia
tu sei il rimpianto
che dura e indurisce
sorella di nostalgia
tu sei il rimorso
che incolpa e colpisce
angelo di carestia
tu sei il ricordo
che sfioro e sfiorisce
mentre la sera va via
Domani che ne e' di te
degli occhi grigi di nuvole
prodighi di prodigi
in fondo agli occhi miei
mi guardo e tu ci sei
tu sei il mio tempo
che impazza e impazzisce
compagna di prigionia
tu sei il mio viaggio
che impara e impaurisce
regina di fantasia
tu sei il pensiero
che passa e appassisce
madre di malinconia
tu sei il futuro
a cui sparo e sparisce
quando la notte va via
Domani sarai con me
perchè ha finito di piovere
se ogni attimo infinito
che ho avuto dopo te
io lo chiamai
Domani non c'eri piu'
eri gia' Ieri
memorie pensieri piu' vecchi tu
dove sei
perch'io ti chiami Oggi
perchè tu torni a me
perchè io torni a te
a Domani
a Domani
a Domani

Nessun commento:

Posta un commento

Le vostre opinioni sono linfa vitale...