giovedì 26 aprile 2012

Coraggio e sincerità

Qualche volta il coraggio si presenta soltanto nel momento in cui non si vede altra via d'uscita.
William Faulkner

Nulla è più complicato della sincerità.
Luigi Pirandello

Proprio così, due frasi che rappresentano perfettamente ciò che sto vivendo.

Lo scontro totale fra ciò che vorrei essere con tutte le mie forze e invece, di contro, quello che gli altri pensano di me, quello che con i loro occhi oscurati dalle travi della vita e del perbenismo, stanno a vedere.

Ho passato tutta la vita, a scontrarmi con un passato molto doloroso. Ho passato la vita, a fare i conti, con una madre che mi ha abbandonato, con un'adozione, con una madre che ha seguito ciò che riteneva giusto ma con cui il destino e la vita, sono stati molto crudeli. Quando avevo 12 anni mi hanno detto di lei, che era una prostituta, una poco di buono, una bugiarda. Ho passato tutta la vita con il terrore di avere qualcosa nel dna che mi rendesse come lei, che mi facesse sentire lontanamente sua figlia.

Con il passare degli anni, dopo averla conosciuta ed essere rimasta nuovamente ferita dalle sue bugie, ho capito, che non era come gli occhi del popolo la definiva. Era solo una persona ignorante ed un pò limitata, che all'interno delle difficoltà della vita, è annegata, non c'è l'ha fatta. Una donna che, non è riuscita ad opporsi al mondo, non è riuscita a rimboccarsi le maniche, ad uscire fuori i coglioni (scusate per la volgarità, ma rende l'idea) ed a fare ciò che era giusto forse, o ciò che doveva fare per se stessa, ed a se stessa.

Perchè alla fine ha fatto il nostro bene dandoci via, ci ha dato un futuro migliore. Non c'è più grande dono che una madre possa fare ad un figlio. Rendersi conto dei propri limiti, e permettere ad un figlio di spiccare il volo, anche se può voler dire che ti odierà per sempre, che ti maledirà forse, e che te ne pentirai tutta la vita, quando tuo figlio, chiamerà mamma qualcun'altra. Esiste amore più grande?

Lei, non avrà fatto certo questi ragionamenti. Era solo ciò che gli altri si aspettavano da lei. Era solo ciò che era giusto fare in quelle condizioni. Era la cosa giusta.

Oggi, io, al contrario suo, ho fatto delle scelte per me stessa. Pensando a me, al mio futuro.

Ho deciso una volta nella vita, di essere egoista, di superare la sindrome dell'abbandono, di pensare al futuro, di credere in me stessa. Ho scoperto quant'è difficile andare contro corrente. Penso che tutte quelle persone che lo fanno per vocazione, abbiano una gran forza.

Io delle volte mollo, non resisto, crollo. Piango, piango per qualsiasi cosa, piango lacrime amare, dolorose, troppo silenziose avvolte. E rido, rido di cuore con vicino mio figlio, rido con le labbra aperte, rido perchè lui è la luce dei  miei occhi e merita solo i miei sorrisi.

Il lavoro, la vita privata, le bollette da pagare. Tutto sparisce davanti a quel sorriso miracoloso di un angioletto dai capelli sottili e dagli occhi grandi, che per fortuna mi chiama mamma.

Sparisce la figlia, la moglie, la ex, i fallimenti, il mondo i pezzi, il lavoro più che precario, gli amici che non ti guardano. Sparisce tutto. Rimaniamo solo io e il mio bambino.

7 commenti:

  1. E' difficile commentare un post come questo senza rischiare di dire cose banali e che non siano di nessun aiuto. Posso dire che le parole che dedichi alla tua vera mamma sono incredibili. Immagino che arrivino dopo un lungo percorso, forse non l'hai sempre pensata così, ma sei veramente da ammirare a leggere in questo modo, così lucido, una così triste realtà. Non ho le parole giuste per consolarti, ma la volontà di farlo però, e l'unica cosa che mi sento di dirti è che ti abbraccio forte. Spero che così tu ti senta meno sola.

    RispondiElimina
  2. No cara Alice, non l'ho sempre pensata così anzi, c'era un tempo in cui era molto dura! Dura da digerire. L'abbandono ti segna per sempre, in tutto ciò che fai nella vita.
    Grazie del tuo abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Giuste o sbagliate ci sono scelte che devono essere fatte, necessarie per andare avanti...non sempre si riesce a valutarne le conseguenze ed evitare che un cuore resti ferito o peggio ancora spezzato. Di molte cose mi chiedo perchè accadano... e il più delle volte mi rispondo che c'è una ragione a tutto anche se la rispota non è immediata, ma forse senza quel fatto non saremmo le persone che siamo oggi...la forza o la fragilità di una persona non si misura con le lacrime che versa, bensì dalla capacità di stare in piedi quando il mondo intorno traballa e di rialzarsi nel momento in cui si è toccato il suolo...penso sinceramente che tu debba guardarti allo specchio con fierezza per quello che sei oggi, perchè il passato - con tutti i suoi errori - resta tale, ma il futuro lo puoi ancora cambiare...
    ti abbraccio

    RispondiElimina
  4. Grazie, le tue parole sono balsamo per le mie ferite.
    Grazie, perchè riesci a vedere al di là delle apparenze, e non è un dono di tutti.
    E grazie, perchè io in quello specchio mi ci guardo ogni istante, non vado mai fiera di me stessa, perchè penso sempre che avrei potuto fare di meglio o di più, ma ce la sto mettendo tutta perchè oggi sia senza rimpianti e per provare a cambiare quel presente che ormai mi soffocava e per cercare di vivere un futuro migliore per me, e per mio figlio. Anche se per farlo, so che dovrò ferire altre persone. Ma nessuna strada importante è mai indolore. Questo, l'ho imparato a mie spese.
    Ricambio l'abbraccio.

    RispondiElimina
  5. I visited many sites except the audio quality for audio songs present at this web page is
    truly fabulous.

    Feel free to visit my web blog - paid surveys (paidsurveysb.tripod.com)

    RispondiElimina
  6. Grazie mille per il complimento. Mi dispiace per la qualità dell'audio, tenterò di migliorare in futuro.
    Ciao.

    RispondiElimina
  7. Grazie mille per il complimento. Mi dispiace per la qualità dell'audio, tenterò di migliorare in futuro.
    Ciao.

    RispondiElimina

Le vostre opinioni sono linfa vitale...